Passione

Aforismi

Benessere

Abbi cura di lasciare i tuoi figli ben istruiti piuttosto che ricchi, perché le speranze degli istruiti sono migliori del benessere degli ignoranti.
Alla natura sta a cuore solo la nostra esistenza, non il nostro benessere.
Alla passione, come al delitto, non si addicono l'ordine stabilito e il benessere di tutti i giorni, anzi, al contrario, ogni allentamento dei legami civili, ogni turbamento e calamità del mondo sono i benvenuti, poiché vi intravedono possibilità di vantaggio.
Chiamano benessere gli inferni autostradali, gli squallidi ipermercati, le solitudini urbane, le avidità forsennate.
Con l'aumento del benessere, tutti si rendono conto, prima o poi, di avere qualcosa da difendere.
Conoscere e ammirare ciò che è bello contribuisce al benessere dell’animo umano. La bellezza è un elemento fondamentale della vita, bisogna condividerla.
Dedicarsi a una vita di benessere non è un lusso, è una necessità. Non avrai mai abbastanza tempo; tu devi trovare il tempo.
Dirò questo delle avversità: la gente sembra essere capace di sopportarle, e questo è più di quanto io possa dire per il benessere.
Hanno tutti ragione. È in base a questo principio elementare che prospera il benessere e il conto corrente.
I tre grandi apostoli dell'ateismo pratico, che convertono la gente senza persecuzioni, e la trattengono senza predicare, sono il benessere, la salute, e il potere.
Il benessere del popolo è la legge più importante.
Il benessere di ciascuno di noi dipende fondamentalmente dal benessere di tutti noi.
Il benessere di una nazione non deve essere misurato dalle sue risorse finanziarie o materiali. Ma dal suo sapere e dal saper trasformare il sapere in ulteriore sapere.
Il benessere ha corrotto l'umanità.
Il benessere maggiore deriva dal non avere grandi bisogni.
Il benessere non verrà mai raggiunto da chi lo cerca direttamente... viene soltanto come prodotto collaterale del fornire un servizio utile.
Il benessere non è di chi lo possiede, ma di chi se lo gode.
Il benessere perduto può venire rimpiazzato dall'operosità, la conoscenza perduta dallo studio, la salute perduta dalla temperanza o dalla medicina, ma il tempo perduto è perso per sempre.
Il benessere viene costruito... un pensiero alla volta.
Il benessere è genitore della lusso e della pigrizia, e la povertà della grettezza e del vizio, ed entrambi della scontentezza.
Il benessere è il passaggio dalla povertà alla scontentezza.
Il benessere è il prodotto della capacità dell'uomo di pensare.
Il benessere è un grande maestro; l'avversità lo è molto di più.
Il fine ultimo di tutti i cambiamenti sociali rivoluzionari è lo stabilire la santità della vita umana, la dignità dell’uomo, il diritto di ogni essere umano alla libertà e al benessere.
Il lavoro non è vergogna; è l'ozio vergogna; se tu lavori, presto ti invidierà chi è senza lavoro mentre arricchisci; perché chi è ricco ha successo e benessere.
Il miglior tipo di benessere è l'abbandono di desideri disordinati.
Il perfezionismo è il nemico della creazione, come l'estrema autosollecitudine è la nemica del benessere.
Il radicale può ricorrere alla spada ma quando lo fa non è pieno di odio verso gli individui che attacca. Egli odia questi individui non come persone ma come simboli rappresentanti idee od interessi che egli crede siano nemici del benessere della gente.
Il tuo benessere è dove sono i tuoi amici.
Il vero benessere è non avere bisogno di niente.
Invidia e vanità sono le radici del benessere sociale.
Io definisco come gioia un costante senso di benessere e di pace interna, una connessione con ciò che conta.
Io posso sentirmi colpevole per il passato, apprensivo riguardo al futuro, ma posso agire solo nel presente. L’abilità di essere nel momento presente è una componente fondamentale del benessere mentale.
Irriverente. Non particolarmente riguardoso nei confronti del benessere, della felicità, del comfort o dei desideri degli altri. Si possono definire tali il colera, il vaiolo, il serpente a sonagli e i giornali satirici.
L'amore è l'essenza vitale che pervade e permea, dal centro della circonferenza, i cerchi concentrici di tutto il pensiero e l'azione. L'amore è il talismano del benessere e della miseria umana - l'apriti sesamo di ogni anima.
L'amore è la condizione in cui il benessere e la felicità di un'altra persona è essenziale alla tua stessa felicità.
L'anima libera è rara, ma quando la vedi la riconosci, soprattutto perché provi un senso di benessere quando gli sei vicino.
L'apprendimento è l'inizio del benessere. L'apprendimento è l'inizio della salute. L'apprendimento è l'inizio della spiritualità. La ricerca e l'apprendimento è dove ha inizio il processo del miracolo.
L'arte deve proclamare imponenza e bellezza e quindi rappresentare purezza e benessere.
L'essenza della compassione è il desiderio di alleviare la sofferenza degli altri e di sostenere il loro benessere.
L'estremismo può prosperare solo in un ambiente in cui la responsabilità sociale di base del governo verso il benessere del popolo è trascurata. Dittatura politica e impotenza sociale creano la disperazione che alimenta l'estremismo religioso.
L'immaginazione non è il talento di alcuni uomini ma il benessere di ogni uomo.
L'innovazione è lo strumento specifico dell'imprenditoria. L'atto che favorisce il successo con una nuova capacità di creare benessere.
L'uomo superiore coltiva la virtù, l'uomo inferiore coltiva il benessere materiale. L'uomo superiore coltiva la giustizia, l'uomo inferiore coltiva la speranza di ricevere dei favori.
La capacità di distogliere l'attenzione da una cosa per spostarla su un’altra è fondamentale per il nostro benessere.
La civiltà del benessere porta con sé proprio l'infelicità.
La fantasia della maggioranza è oggi dominata dalla visione del benessere.
La rinunzia si può apprendere anche dopo il benessere solo in quanto esiste, alla radice di quella condizione di benessere, la cognizione del male.
La saggezza sopravanza ogni benessere.
La solitudine è un accrescitivo, è una lente d’ingrandimento: se stai male e sei solo, stai malissimo, se stai bene e sei solo, stai benissimo.
La virtù comincia con il benessere.
La vita, per essere piena e reale, deve contenere la preoccupazione del passato e dell'avvenire in ogni attimo del fuggevole presente; il lavoro quotidiano deve essere compiuto per la gloria dei trapassati e per il benessere dei posteri.
Le vere leggi di Dio sono le leggi del nostro benessere.
Lo stato di benessere è forse il più altruistico sistema che il regno animale abbia mai conosciuto.
Ma anche in una dittatura, in un totalitarismo, le persone possono trovare spazi di benessere e gioia intensa nel campo in cui non arriva il potere. Per esempio quando amano e sono riamati.
Mai si è troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell'animo nostro.
Mantenere la stima di sé è il modo migliore per stare bene con se stessi.
Noi non siamo al mondo per soddisfare le aspettative di nessuno, noi siamo al mondo per evolverci e raggiungere il nostro benessere.
Noi possiamo avere una società democratica o possiamo avere una concentrazione di enorme benessere nelle mani di pochi. Non possiamo avere entrambi.
Noi siamo convinti che il mondo, anche questo terribile, intricato mondo di oggi può essere conosciuto, interpretato, trasformato, e messo al servizio dell'uomo, del suo benessere, della sua felicità.
Non c'è responsabilità più sacra di quella che il mondo ha verso i bambini. Non c'è dovere più importante di garantire che siano rispettati i loro diritti, che il loro benessere sia tutelato, che le loro vite siano libere dalla paura e dal bisogno e che essi possano crescere nella pace.
Non è il benessere che si frappone alla liberazione ma l'attaccamento al benessere, non il godimento di cose piacevoli ma l'ardente desiderio di averle.
Non è il benessere né lo splendore, ma la tranquillità e il lavoro, che danno la felicità.
Ogni buona azione è carità. Il vero benessere di un uomo nell'aldilà è quello che egli fa in questo mondo ai suoi simili.
Per chi sta male, una sola notte è un tempo infinito; per chi sta bene il giorno giunge troppo presto.
Per un poco di benessere non bisogna tradire la verità e rinnegare noi stessi.
Preoccupati solo di fare fortuna, gli uomini non riescono a cogliere lo stretto legame che unisce il benessere di ciascuno alla prosperità di tutti.
Quando il benessere bussa alle porte poveri e onesti tenetevi forte.
Quanto più ci preoccupiamo della felicità altrui, tanto più grande è il nostro senso di benessere. Coltivare un sentimento intimo e affettuoso verso il prossimo pone di conseguenza la mente a suo agio. Questa è la definitiva fonte di successo nella vita.
Quanto più la nostra mente è silenziosa, tanto più il cervello produce le sostanze del nostro benessere.
Ricevi il benessere e la prosperità senza arroganza; e sii pronto a lasciarle andare.
Se gli uomini hanno filosofato per liberarsi dall’ignoranza, è evidente che ricercarono il conoscere solo al fine di sapere e non per conseguire qualche utilità pratica. E il modo stesso in cui si sono svolti i fatti lo dimostra: quando c’era già pressoché tutto ciò che necessitava alla vita ed anche all’agiatezza e al benessere, allora si incominciò a ricercare questa forma di conoscenza.
Se si vuole valutare la situazione dell'uomo per quanto riguarda la felicità, non si dovrà cercare ciò che gli dà piacere, ma ciò che lo conturba: quanto più irrilevante è infatti quest'ultimo elemento, preso in sé stesso, tanto più felice è l'uomo. Uno stato di benessere è ciò che rende sensibili alle piccolezze, che per contro non sono affatto da noi sentite nell'infelicità.
Se un uomo esaminasse attentamente i suoi pensieri resterebbe sorpreso nello scoprire quanto stia vivendo nel futuro. Il suo benessere è sempre più avanti.
Una nazione che chieda al suo governo il solo mantenimento dell'ordine è già schiava in fondo al cuore, schiava del suo benessere e da un momento all'altro può presentarsi l'uomo destinato ad asservirla.
Una politica priva di etica non incrementa il benessere dell’umanità; un’esistenza priva di morale abbassa gli esseri umani al livello degli animali.
Vivere bene è meglio che vivere.
È abbastanza difficile dire cos'è che dà la felicità; la povertà e il benessere hanno entrambi fallito.
È solo quando i ricchi si ammalano che sentono in pieno l'impotenza del benessere materiale.
È un comune errore popolare supporre che quelli che si lamentano per il pubblico a voce più alta siano i più preoccupati per il suo benessere.