Passione

Aforismi

Pericolo

A vincere senza pericolo, si trionfa senza gloria.
Abbiamo bisogno di più consapevolezza della natura umana, perché l'unico pericolo reale che esiste è l'uomo in se stesso.
All'avvicinarsi di un pericolo, sempre due voci con uguale forza parlano nell'intimo dell'uomo: una voce gli dice sempre assennatamente di riflettere sulla natura del pericolo e sui mezzi per evitarlo; l'altra, ancora più assennata, gli dice che pensare a un pericolo è troppo penoso e tormentoso quando prevedere tutto, e sottrarsi all'andamento generale delle cose, non è in potere dell'uomo e perciò è meglio distogliersi dalle cose penose finché non sono sopraggiunte, e pensare piuttosto a quelle piacevoli. In solitudine l'uomo è piuttosto sensibile alla prima voce, in compagnia, al contrario, alla seconda.
Apprendere e non meditare è vano. Riflettere senza studio è pericoloso.
Ben venga la vergogna quando ti fa affrontare il pericolo.
Bisogna cominciare con il dare l’esempio e fare attenzione alle parole che si usano. Le parole sono pericolose. Certe vengono usate per ferire e umiliare, per alimentare la diffidenza e persino l’odio. Di altre viene distorto profondamente il significato per sostenere intenzioni di gerarchia e di discriminazione.
C'è pericolo da parte di tutti gli uomini. La sola massima di un governo libero dovrebbe essere di non avere fiducia in nessun uomo che vive con un potere tale da mettere in pericolo la libertà pubblica.
C'è una notevole differenza tra miseria e povertà: nella miseria non si protesta mai, il miserabile infatti non rappresenta mai un pericolo per il potere, non pensa nemmeno di poter cambiare la sua situazione; il povero, invece, stende la mano, desidera soldi, fa richieste, protesta.
Cadere non è pericoloso né disonorevole. Ma non rialzarsi è tutte e due le cose.
Che cosa è la prudenza? Non si finisce mai di imparare il pericolo!
Chi ha paura vede anche i pericoli che non ci sono.
Chi impara, ma non pensa, è perduto. Chi pensa, ma non impara, è in pericolo.
Chi non sa controllarsi è pericoloso per sé e per gli altri.
Chi ricorre alla legge tiene un lupo per le orecchie.
Chi si espone al pericolo vi vuol trovare la sua perdita.
Chi teme i pericoli non perisce per quegli.
Chi vive nel'ansia conosce bene gli incendi.
Chi vuol navigare finché non sia passato ogni pericolo non deve mai prendere il mare.
Chiamo violenza un'audacia in riposo innamorata dei pericoli.
Ci interessa il versante pericoloso delle cose, Il ladro onesto, il tenero assassino, l'ateo superstizioso.
Coloro che giocano coi gatti debbono aspettarsi di essere graffiati.
Coloro che vogliono frugare al di sotto della superficie delle cose lo fanno a loro rischio e pericolo.
Colui che osa, vince il pericolo ancor prima di incontrarlo.
Colui che più in alto siede, sta più in pericolo di cadere al basso e precipitarsi.
Come l'esperienza insegna, i più vili e codardi nel momento del pericolo si fanno tracotanti a parole e, con la lingua, assolutamente decisi.
Con gravissimo pericolo si custodisce ciò che piace a molti.
Con l'allenamento, dubbi e sofferenze si possono limitare notevolmente. Dai una scossa elettrica a un topo, e la prossima volta sceglierà il percorso meno pericoloso.
Con nessuno conviene usare eccessiva confidenza: non con i più grandi di noi, perché è pericoloso; non con i più piccoli, perché non è decoroso.
Conosci il nemico come conosci te stesso. Se fari così, anche in mezzo a cento battaglie non ti troverai mai in pericolo.
Continuiamo ad essere imperfetti, pericolosi e terribili, e anche meravigliosi e fantastici. Ma stiamo imparando a cambiare.
Corre meno pericoli colui che, anche se è al sicuro, sta in guardia.
Correre dietro alle donne non ha mai fatto male a nessuno; è raggiungerle che è pericoloso.
Correre incontro al pericolo è una forma della vigliaccheria.
Credo che il successo sia una delle esperienze umane più pericolose, specialmente se il successo arride nelle prime fasi della carriera, dato che in seguito si tende alla superstizione e alla ripetitività.
Da due pericoli bisogna guardarsi: dalla disperazione senza scampo e dalla speranza senza fondamento.
Dei pericoli che tu possa avere alle spalle non ti curar tanto, che tu non abbia più modo di attendere alle cose che ti stanno dinanzi.
Di fronte a tutti i pericoli, di fronte a tutte le minacce, le aggressioni, i blocchi, i sabotaggi, tutti i frazionisti, tutti i poteri che cercano di frenarci, dobbiamo dimostrare, una volta di più, la capacità del popolo di costruire la propria storia.
Di qua lupi, di là cani.
Dove c'è pericolo cresce anche ciò che salva.
Dove c'è poca giustizia è un pericolo avere ragione.
Dove la stampa è libera e tutti sanno leggere, non ci sono pericoli.
Dove stanno i tuoi più grandi pericoli? Nella compassione.
Due cose vuole l'uomo autentico: pericolo e gioco. Perciò egli vuole la donna come il giocattolo più pericoloso. Anche la donna più dolce è amara.
Ed a voli troppo alti e repentini, sogliono i precipizi esser vicini.
Esistono tentazioni così pericolose che per cedere a esse occorrono coraggio e audacia.
Essere toccati dal pericolo rende ogni volta un po’ più forti, ma pure guardinghi e diffidenti.
Fare l'attrice è come andare in guerra. Bisogna avere determinazione, scansare tanti pericoli.
Fare naufragio, finire sotto una vettura sono casi rari, anche se gravi: mentre dall'uomo viene all'uomo un pericolo costante.
Fino a quando non si mette in gioco la propria vita si manca della forza necessaria per trarre dall'ombra il tratto fondamentale di un carattere.
Fortissimi d'animo, a buon diritto, vanno considerati coloro che, conoscendo chiaramente le difficoltà della situazione, ed apprezzando le delizie della vita, tuttavia, proprio per questo non si ritirano di fronte ai pericoli.
Giocare a carte scoperte rende tanto difficili le delusioni quanto facili i pericoli.
Gli amici sono pericolosi al pari dei nemici.
Gli indugi hanno fini pericolose.
Gli stupidi sono pericolosi.
Gli uomini di buon senso, quando riescono ad uscire fuori da qualche pericolo, ne stanno lontani per tutta la vita.
Gli uomini li si tiene solitamente per più pericolosi di quanto non siano.
Gli uomini saggi non hanno niente da dire in tempi pericolosi.
Gli uomini, generalmente parlando, quando l'indignazione non si possa sfogare senza grave pericolo, non solo dimostrano meno, o tengono affatto in sé quello che sentono, ma ne senton meno in effetti.
Gran parte di quello che noi diciamo coraggio è l'esperienza e l'abitudine del pericolo.
Ho passato tanto tempo ad assicurarmi di non sottovalutare i miei avversari che ho dimenticato quanto sia pericoloso sopravvalutarli.
I folli e le persone intelligenti ugualmente sono innocui. I mezzi matti e i mezzi savi, questi sono i più pericolosi.
I maggiori pericoli in questa vita sono le persone che vogliono cambiare tutto o niente.
I medici imparano a nostro rischio e pericolo e fanno esperienze a furia di ammazzare. Per di più se la prendono con il malato rigettando la colpa sulla sua intemperanza, tanto che chi è rimasto vittima viene messo sotto accusa.
I nostri tempi sono tristi e pieni di calamità, ma in fondo tutti i tempi sono essenzialmente gli stessi: finché c'è vita, c'è pericolo.
I pericoli degli altri sono utili a chi è prudente.
I pericoli e le donne, come i guai, non devono essere trattati con timidezza.
I pescatori sanno che il mare è pericoloso e le tempeste terribili, ma non hanno mai considerato quei pericoli ragioni sufficienti per rimanere a terra.
I più pericolosi nemici sono quelli da cui l'uomo non pensa a difendersi.
Il bambino è incapace di affrontare da solo la vita e le sue difficoltà, i suoi pericoli, i suoi ostacoli, le sue prove, le sue responsabilità. È incapace di dominare l’ambiente che lo circonda.
Il bene prevale numericamente sul male, ma non sa fiutare il pericolo.
Il codardo minaccia solo quando è fuori pericolo.
Il coraggio deve crescere di pari passo con il pericolo.
Il coraggio più sicuro e più utile è quello che nasce da un giusto apprezzamento del pericolo che si affronta.
Il coraggio è di due specie: quello fisico davanti al pericolo personale, e quello che occorre avere di fronte alle responsabilità, sia verso il potere superiore di una qualsiasi forza esterna, sia verso la propria coscienza. Riuniti, essi costituiscono il coraggio perfetto.
Il coraggio è spesso l'effetto di una visione poco chiara del pericolo che si affronta, o dell'ignoranza totale dello stesso pericolo.
Il coraggio è uno stato di calma e di tranquillità in presenza di un pericolo, stato rigorosamente simile a quello in cui si è quando non c'è pericolo.
Il coraggio, sembrerebbe, non è nulla di meno che il potere di sopraffare il pericolo, la sfortuna, la paura, l'ingiustizia, mentre si continua ad affermare interiormente che la vita con tutti i suoi dispiaceri è buona; che tutto ha un significato anche se in un senso che va oltre la nostra comprensione; e che c'è sempre un domani.
Il denaro è una delle illusioni più pericolose, perché accumularlo senza perdere la propria dignità è difficilissimo.
Il fanatismo è un mostro mille volte più pericoloso che l'ateismo filosofico.
Il governo del mondo deve essere affidato a nazioni soddisfatte, che per se stesse non vogliano più di quanto già hanno. Se il governo del mondo si trovasse nelle mani di nazioni affamate, saremmo sempre in pericolo. Ma nessuno di noi ha alcun motivo per cercare qualcosa di più. La pace sarà mantenuta da popoli che vivranno a modo loro senza alcuna ambizione. La nostra potenza ci ha posti al di sopra degli altri. Siamo come ricchi che vivono in pace nelle loro case.
Il lupo in vesti di agnello è meno pericoloso che l'agnello in qualunque altra veste che lo faccia apparire qualcosa di più d'un agnello.
Il maggior pericolo nella vita consiste nel prendere troppe precauzioni.
Il momento più pericoloso di un viaggio in aereo è quando si prende il taxi.
Il mondo? Un luogo terribilmente pericoloso: non se ne esce vivi!
Il pauroso vede pericoli anche dove non ce ne sono.
Il pericolo arriva più velocemente quando viene sottovalutato.
Il pericolo dell'odio è che, una volta cominciato a coltivarlo, hai cento volte più di quanto ti aspettassi. Una volta cominciato, non ti fermi più.
Il pericolo di vivere male è maggiore del pericolo di morire presto.
Il pericolo nel cercare di far bene è che la mente arriva a confondere l’intento del bene con l’atto di fare le cose bene.
Il pericolo non viene da quello che non conosciamo, ma da quello che crediamo sia vero e invece non lo è.
Il pericolo non è che una particolare classe sia inadatta a governare. Ogni classe è inadatta a governare.
Il pericolo più grande del lavoro è che prima o poi comincia ad essere piacevole.
Il pericolo sarebbe la forma di manifestazione della necessità esteriore che trova la sua strada verso l'inconscio umano.
Il pericolo si riproduce meglio con la troppa fiducia.
Il pericolo è un gran rimedio per la noia.
Il pericolo, la solitudine, un futuro incerto non sono mali opprimenti finché il corpo è sano e le nostre facoltà valide; finché, specialmente, la libertà ci presta le sue ali e la speranza ci guida con la sua stella.
Il più grande pericolo per molti di noi non sta nel fatto che i nostri obiettivi siano troppo elevati e quindi non riusciamo a raggiungerli, ma nel fatto che siano troppo bassi e che li si raggiunga.
Il più grande pericolo si corre nel momento della vittoria.
Il saggio nella tempesta prega Dio, non per salvarsi dal pericolo, ma per sollevarsi dalla paura.
Il saggio non si espone al pericolo senza motivo, poiché sono poche le cose di cui gl'importi abbastanza; ma è disposto, nelle grandi prove, a dare perfino la vita, sapendo che a certe condizioni non vale la pena di vivere.
Il saggio non si espone al pericolo senza motivo, poiché sono poche le cose di cui gl'importi abbastanza; ma è disposto, nelle grandi prove, a dare perfino la vita, sapendo che a certe condizioni non vale la pena di vivere.
Il sollievo è una forma raffinata e accessibile di felicità. Non tanto per il pericolo scampato, quanto per il coraggio trovato.
Il timore de' pericoli, è talvolta dei pericoli di tutti il maggiore.
Il vero coraggio consiste nell’affrontare il pericolo quando si ha paura.
Il vero pericolo non è che i computer inizieranno a pensare come gli uomini, ma che gli uomini cominceranno a pensare come i computer.
Il vero pericolo è quando la libertà viene rosicchiata, per comodità, a pezzi.
Il vino rende sinceri, giusti e coraggiosi, impavidi di fronte ai pericoli e alla morte. Il vino fa abbandonare gli uomini alle passioni, li inebria al punto che sembra muoiano in un sogno, ma li rende anche degenerati e superficiali.
Imparare senza pensare è fatica perduta; pensare senza imparare è pericoloso.
In grandi pericoli e quando la speranza è scarsa, i consigli più audaci sono i più sicuri.
In ogni avversità c'è un solo pericolo: che chi soffre non voglia credere che l'avversità è un momento positivo.
In un paese in cui regni apertamente il dogma della sovranità del popolo la censura è non solo un pericolo ma anche una grande assurdità.
In un'epoca di rapidi cambiamenti, restare fermi è il più pericoloso modo di agire.
In una malvagia coscienza se qualche cosa può esservi che sia salva da pericoli, nulla può esservi di veramente sicuro.
Io preferisco sedere in basso, quando si sta bassi non è tanto pericoloso cadere.
Irarsi contro un potente è cercarsi un pericolo.
L'affabilità di certa gente è assai più pericolosa della violenza di individui meno raffinati.
L'amico certo si riconosce nei pericoli.
L'amore era un errore pericoloso e la sua complice, la speranza, un’illusione insidiosa.
L'arte è pericolosa. È una delle sue attrattive: quando cessa di essere pericolosa, tu non la vuoi.
L'educazione dovrebbe mirare alla libertà della mente dei giovani, e non al suo imprigionamento in una rigida armatura di dogmi destinati a proteggerla, nella vita, contro i pericoli dell'evidenza imparziale. Il mondo necessita di menti e di cuori aperti, non di rigidi sistemi, vecchi o nuovi che siano.
L'elenco degli animali pericolosi per l'uomo in epoca preistorica fa ridere al confronto dei pericoli che il nostro pensiero è in grado di creare oggi.
L'esperienza del pericolo rende vigliacchi ogni giorno di più.
L'esperienza mostra che il momento più pericoloso per un cattivo governo è in genere proprio quando sta cominciando ad emendarsi.
L'esperienza mostra che il momento più pericoloso per un cattivo governo è in genere proprio quando sta cominciando ad emendarsi.
L'ignorante è non solo zavorra, ma pericolo della nave sociale.
L'illusione più pericolosa è quella che esista soltanto un'unica realtà.
L'invidia genera individui pericolosi.
L'odio è cieco, la collera sorda, e colui che vi mesce la vendetta, corre pericolo di bere una bevanda amara.
L'onestà senza il sapere è debole e inutile, mentre il sapere senza l'onestà è pericoloso e terribile.
L'ossessività è la ripetizione rituale, liturgica di gesti che, proprio perché già compiuti e conosciuti, rassicurano il soggetto sul loro esito. Non c’è insomma pericolo di sperimentare fallimento e frustrazione.
L'ottimista vede opportunità in ogni pericolo, il pessimista vede pericolo in ogni opportunità.
L'ozio porta pensieri e i pensieri possono essere pericolosi, come capirà al volo chiunque viva in solitudine.
L'unica parola pericolosa è quella repressa.
L'unico pericolo sociale è l'ignoranza.
L'uomo autentico vuole due cose: gioco e pericolo. Perciò vuole la donna, come il giocattolo più pericoloso.
L'uomo che ha paura senza che vi sia pericolo, inventa il pericolo per giustificare la sua paura.
L'uomo che vive al di sopra delle sue possibilità, è in gran pericolo di vivere presto al di sotto di esse.
L'uomo serio è pericoloso; è naturale che diventi tiranno.
L'uomo superiore, quando riposa in sicurezza, non dimentica che il pericolo può arrivare. Quando è in uno stato di sicurezza egli non dimentica la possibilità della rovina. Quando tutto è ordinato, egli non dimentica che il disordine può arrivare. Così la sua persona non è in pericolo, e i suoi stati e i suoi clan sono preservati.
La bellezza è un pericolo a sé cosí come le tenebre sono "l’indipendenza delle passioni".
La bramosia degli onori turba la mente umana e oscura la visione dei pericoli.
La causa più comune degli errori umani è l'eccessiva paura che provoca nell'uomo il pericolo immediato e lo scarso timore che egli ha, invece, nei confronti del pericolo remoto.
La compagnia della moltitudine è dannosa: c'è sempre qualcuno che ci rende gradevole un vizio o, senza che ce ne accorgiamo, ce lo trasmette in tutto o in parte. Più sono le persone con cui viviamo, maggiore è il pericolo.
La differenza tra i coraggiosi e i vigliacchi è questa: i primi riconoscono il pericolo e non provano paura, i secondi provano paura senza riconoscere il pericolo.
La donna ha indovinato tutto il pericolo del ragionamento fin dall'origine.
La gente quando non capisce inventa, e questo è molto pericoloso.
La giovinezza è sacra a causa dei suoi pericoli: rispettatela sempre.
La guerra, fra i suoi pochissimi pregi, ha quello di rendere più intelligenti le persone in pericolo.
La libertà soppressa e poi riconquistata è più dolce della libertà mai messa in pericolo.
La libertà è sempre pericolosa, ma è la cosa più sicura che abbiamo.
La mera percezione di un prossimo pericolo ha posto molti in una situazione di massimo pericolo.
La nostra incapacità di riconoscere istintivamente le connessioni tra le nostre azioni e i problemi che ne risultano ci lascia totalmente aperti alla creazione di quei pericoli di cui poi ci lamentiamo.
La parola crisi, scritta in cinese, è composta di due caratteri. Uno rappresenta il pericolo e l'altro rappresenta l'opportunità.
La paura del pericolo è diecimila volte più spaventosa del pericolo vero e proprio, quando si presenta di fatto davanti ai nostri occhi; e l'ansia è una tortura molto più grave da sopportare che non la sventura stessa per la quale stiamo in ansia.
La paura è generata dalla nostra autoimmagine. Se ti senti un'adulta capace di affrontare qualsiasi pericolo non hai paura di niente... se ti senti una bambina ti pigli paura di qualsiasi cosa.
La perfezione non esiste, capirla è il trionfo dell'intelligenza umana, desiderarla per possederla è la più pericolosa delle follie.
La persona che scappa da un pericolo si espone allo stesso molto più di quella che si siede tranquillamente.
La persona più pericolosa è quella che ha paura della propria ombra.
La persona stupida è il tipo di persona più pericoloso che esista.
La propria impotenza è pericolosa quanto l'altrui prepotenza.
La sicurezza è madre del pericolo e nonna della distruzione.
La sicurezza è perlopiù una superstizione. Non esiste in natura, né i cuccioli di uomo riescono a provarla. Evitare il pericolo non è più sicuro, sul lungo periodo, che esservi esposti apertamente. O la vita è una avventura da vivere audacemente, oppure è niente.
La solitudine è pericolosa per la ragione senza essere utile alla virtù... Ricorda che la persona solitaria è certamente lussuriosa, probabilmente superstiziosa, e forse anche matta.
La strategia più pericolosa è quella di saltare un baratro con due balzi.
La superstizione trasforma la divinità in idolo, e l'idolatra è molto più pericoloso perché è un fanatico.
La tirannia di un principe in un'oligarchia non è pericolosa per il bene pubblico quanto l'apatia del cittadino in una democrazia.
La troppa paura dei pericoli fa che spesso vi cadiamo.
La virtù di un uomo si prova soltanto nell'ora del pericolo.
La vita, la libertà e la proprietà di ogni uomo sono in pericolo quando il parlamento è riunito.
Lasciamo che la paura del pericolo sia uno stimolo a prevenirlo; colui che non ha paura, fornisce un vantaggio al pericolo.
Lasciar trapelare ira oppure odio dalle proprie parole o dai propri atteggiamenti è inutile, pericoloso, imprudente, ridicolo, volgare. Non si dovrà quindi mostrare ira né odio, se non attraverso le azioni. Si potrà fare quest'ultima cosa in modo tanto più perfetto, quanto più completamente si è evitata la prima.
Le dittature non sono soltanto pericolose, sono esse stesse sempre in pericolo poiché l’uso brutale della forza suscita ovunque ostilità.
Le donne hanno la passione del pericolo. è una delle qualità che più ammiro in loro. Una donna farà il flirt con chicchessia, purché abbia un pubblico in platea.
Le grandi imprese di solito si compiono a prezzo di grandi pericoli.
Le idee chiare e precise sono le più pericolose, perché allora non si osa più cambiarle; ed è un'anticipazione della morte.
Le madri o i padri terrorizzati dai pericoli che corrono i figli manifestano prima di tutto problemi di insicurezza, personale o di ruolo.
Le persone asservite non hanno né vigore né asprezza nella lotta: vanno negligentemente verso il pericolo quasi come costretti ed appesantiti, e non sentono affatto nel loro cuore ribollire l’ardore della libertà che fa disprezzare il pericolo e dà voglia di acquistare l’onore e la gloria con una bella morte tra i propri compagni.
Le persone che non fanno rumore sono pericolose.
Le tentazioni di Dio sono sempre state piú pericolose per il genere umano di quelle di Satana.
Ma l'unico pericolo che sento veramente è quello di non riuscire più a sentire niente.
Mettetevi all'opera senza alcuna apprensione per quanto riguarda l'imprudenza. Il timore dell'insuccesso è già, per un osservatore esterno, prova di insuccesso. Qualsiasi azione diventa pericolosa nel momento stesso in cui si dubita della sua saggezza; meglio varrebbe allora non fare nulla.
Nei momenti di pericolo, non esiste peccato più grave dell’inerzia.
Nei pericoli gravi, si travolge ogni ragione.
Nel pericolo la temerarietà può valere più della prudenza.
Nel pericolo, un aiuto ci viene più da amci che parevano sospetti, piuttosto che da quelli in cui avevamo piena fiducia.
Nella democrazia la tirannia della maggioranza non è meno pericolosa per le minoranze e per gli individui di quanto lo sia quella di un singolo dittatore.
Nessuno è più pericoloso di chi crede che i propri pensieri siano i pensieri di Dio.
Nessuno è più superbo di colui che si crede immune dai pericoli del mondo.
Niente è più pericoloso di uno stupido che afferra un’idea, il che succede con una frequenza preoccupante. Se uno stupido afferra un’idea, è fatto: su quella costruirà un sistema e obbligherà gli altri a condividerlo.
Non bisogna indugiare quando è più pericoloso far nulla che non osare.
Non c'è al mondo persona più pericolosa di quella che vuol far del bene.
Non c'è bisogno di conoscere esattamente di che cosa si tratti per sapere che può essere pericoloso.
Non c'è nessuno che non sia pericoloso per qualcun altro.
Non c'è niente di più pericoloso del demone della fantasia acquattato nell'animo femminile.
Non c'è niente di più pericoloso di un idiota pieno di risorse.
Non c'è nulla di più difficile da gestire, di esito incerto e così pericoloso da realizzare dell'inizio di un cambiamento.
Non c'è sciocco più pericoloso di quello che ha un po' d'ingegno.
Non chi ha il volto ringhioso, ma chi lo ha intelligente, appare temibile e pericoloso: come è certo che il cervello dell'uomo è un'arma più terribile dell'artiglio di un leone.
Non ci sono pensieri pericolosi; il pensare stesso è pericoloso.
Non dare la spada a un bambino.
Non importa se la strada è impervia e se si dovranno affrontare pericoli. Non importa sei avrai paura, perché la paura esiste proprio per farti tirare fuori tutto il coraggio che è dentro di te. Tu fai la cosa giusta, segui il tuo cuore. Ti porterà esattamente dove dovevi andare.
Non mi interessa essere felice. Preferisco vivere nell'innamoramento, anche se sono consapevole di quanto possa essere pericoloso, poiché si ignora sempre ciò a cui si va incontro.
Non puoi, per amore di una persona, mutare la sostanza dei principi e dell'integrità morale, come non puoi cercare di convincerti, o di convincere me, che l'egoismo è prudenza, e l'incoscienza del pericolo una garanzia di felicità.
Non si deve dimenticare che è particolarmente pericoloso schiavizzare gli uomini nei minori particolari della vita.
Non si gioca che col fuoco.
Non si vince un pericolo senza pericolo.
Non v’è cosa più pericolosa di quell’assioma comune che bisogna consultare lo spirito della legge. Questo è un argine rotto al torrente delle opinioni.
Non è un pericolo, ma piuttosto la minaccia di un pericolo a innescare più spesso la risposta di stress.
Nulla di nobile si è realizzato senza pericolo.
Nulla è esente dal pericolo del cambiamento; la terra, i cieli, tutto il cosmo vi sono soggetti.
Nulla è più pericoloso di un amico senza discernimento: perfino un nemico prudente è preferibile.
Nulla è più pericoloso di un'idea, quando è l'unica che abbiamo.
Ogni morto di fame è un uomo pericoloso.
Ogni passo che si fa verso la verità, in qualsiasi campo, rende meno lontana la verità stessa. E l’essere più vicino alla verità non può essere dannoso, né pericoloso, né insoddisfacente.
Ovunque ci sia pericolo, si cela l'opportunità; dovunque c'è un'opportunità, si cela il pericolo, I due sono inseparabili. Vanno insieme.
Per gli amanti fuggire è codardo. È non voler affrontare il pericolo. E il pericolo è divenuto così raro nella vita moderna!
Per questo i sogni possono essere tanto pericolosi: covano sotto la cenere come un fuoco e a volte ci consumano completamente.
Per un vero pessimista, essere in pericolo non è deprimente.
Più uno spirito corre dei pericoli, più sente il bisogno di apparire superficiale, di darsi un'aria frivola e di moltiplicare i malintesi sul proprio conto.
Poca sincerità è pericolosa e molta è assolutamente fatale.
Possiamo raggiungere la perfezione per mezzo dell'arte e soltanto con l'arte, l'arte, e nient'altro che l'arte, può offrirci un rifugio contro i sordidi pericoli dell'esistenza.
Prima di buttarsi in un pericolo bisogna prevederlo e temerlo; ma una volta che ci si è dentro non rimane altro che disprezzarlo.
Può essere che un uomo sia aggressivo perché non è passato attraverso il pericolo, come me. Io posso permettermi di prendere le cose con calma perché sono passato attraverso il fuoco. Non è lontano dal fuoco che puoi trovare la calma, ma dentro ad esso.
Qual è l'animale più pericoloso? Tra gli animali feroci il Tiranno; tra gli animali domestici l'adulatore.
Qualche volta è scomodo imparare dai nemici ma è meno pericoloso che insegnare agli amici.
Qualsiasi pazzo con delle mani veloci può prendere una tigre per le palle, ma ci vuole un eroe per continuare a strizzarle.
Quando ci sembra che si avvicini un pericolo di morte, consideriamo quanto ci sono vicini altri pericoli di cui non abbiamo paura.
Quando l'essere umano si è civilizzato, ha eliminato i pericoli fisici dell’ambiente ma ha creato dei nemici ben più pericolosi dentro il suo cervello.
Quando la maggioranza sostiene di avere sempre ragione e la minoranza non osa reagire, allora è in pericolo la democrazia.
Quando non lo si vede, il pericolo ha l’imperfezione e l’indeterminatezza del pensiero umano.
Quando una comunità non è altro che un luogo di lavoro è in pericolo.
Quanto più in alto è collocata la statua, tanto più duro e pericoloso è poi il colpo nella caduta.
Quello che noi chiamiamo pericolo, può essere la logica di Dio.
Questi i cinque pericoli del combattente: essere troppo pronto a morire, troppo preoccupato di vivere, troppo portato dall’ira, troppo attaccato all’onore, troppo emotivo.
Questo è il pericolo, quando il vizio diventa un precedente.
Retrocedere davanti al pericolo dà per risultato certo quello di aumentarlo.
Rifiutarsi di riconoscere un pericolo quando ci pende sulla testa è da stupidi, non da coraggiosi.
Ritirarsi non è scappare, e restare non è un'azione saggia, quando c'è più ragione di temere che di sperare. Non c'è saggezza nell'attesa quando il pericolo è più grande della speranza ed è compito del saggio conservare le proprie forze per il domani e non rischiare tutto in un giorno.
Saper essere misericordiosi significa vivere senza pericolo.
Se esistiamo per grandi progetti, siamo chiamati a grandi pericoli.
Se lavoro costantemente su un certo esercizio, alla fine non mi sembra rischioso. L'idea è che l'esercizio resti pericoloso e sembri pericoloso per le mie paure, ma non per me. Il duro lavoro lo ha reso semplice. Questo è il mio segreto. Ecco perché vinco.
Se non conosci te stesso, né conosci il tuo nemico, sii certo che ogni battaglia sarà per te fonte di pericolo gravissimo.
Se sapere poco è pericoloso, dov'è l'uomo che sa tanto da essere fuori pericolo?
Se una rana si tuffa in una pentola d'acqua bollente, salta subito fuori perché avverte il pericolo. Ma se si tuffa in una pentola d'acqua tiepida, che viene portata lentamente a ebollizione, non si muove affatto, rimane lì anche se la temperatura continua a salire. E alla fine muore bollita, se qualcuno non la salva. Il nostro sistema nervoso collettivo è come quello della rana: serve una scossa improvvisa perché ci rendiamo conto del pericolo. Se invece ci sembra graduale, anche se arriva velocemente, restiamo seduti senza reagire.
Si avanza nel buio a tentoni sin dove, invano prevista, s'apre sotto i piedi la botola.
Si deve saper guardare oltre la sua pericolosità e vedere se, in qualche modo, non possa tornarci utile.
Si pensa a proprio rischio e pericolo.
Sicuramente i più coraggiosi sono coloro che hanno la visione più chiara di ciò che li aspetta, così della gioia come del pericolo, e tuttavia l'affrontano.
Sono le idee, non gli interessi costituiti, che sono pericolose nel bene o nel male.
Sono pericolose solo le cose che tolleri a lungo! Una relazione fissa, il matrimonio e i dolci!
Sono sempre quelli che fanno domande a essere i più pericolosi.
Stare in mezzo alla strada è molto pericoloso; vieni investito dal traffico da entrambe le parti.
Sulle lunghe distanze, evitare il pericolo non è più sicuro che affrontarlo apertamente. I paurosi sono catturati tanto spesso quanto i coraggiosi.
Tutti amano i pericoli dei quali non hanno paura.
Tutto è pericoloso o nulla è pericoloso. Se credessi alla prima possibilità, non potrei vivere, ma non sono convinto della seconda.
Tutto è pericoloso. Ma se così non fosse, non varrebbe la pena di vivere.
Un automobilista pericoloso è quello che vi sorpassa malgrado tutti i vostri sforzi per impedirglielo.
Un libro deve procurare le ferite, deve allargarle. Un libro deve essere pericoloso.
Un pericolo non si vince mai senza pericolo.
Un uomo fa ciò che è suo dovere fare, quali che siano le conseguenze personali, quali che siano gli ostacoli, i pericoli o le pressioni. Questa è la base di tutta la moralità umana.
Un vigliacco scappa, ma la scelta di un uomo coraggioso è il pericolo.
Un'idea che non sia pericolosa, è indegna di chiamarsi idea.
Un'idea che non è pericolosa non è degna di essere chiamata tale.
Una femmina impazzita di dolore è più pericolosa di venti assassini messi insieme.
Una fiducia cieca nei tuoi leaders o in qualsiasi altra cosa è molto pericolosa. Può ucciderti.
Una regina che dimentica il suo popolo gioca una partita pericolosa.
Una tipica differenza che assai spesso emerge nella vita quotidiana tra persone comuni e persone intelligenti è che le prime, nel riflettere e calcolare possibili pericoli, si limitano a informarsi e a considerare i casi del genere che già sono accaduti, le seconde invece ponderano ciò che eventualmente potrebbe accadere.
Una travatura di legno ben connessa in una casa non si scompagina in un terremoto, così un cuore deciso dopo matura riflessione non verrà meno al momento del pericolo.
Vivere, in generale, vuol dire essere in pericolo.
Viviamo in un'epoca pericolosa. L'essere umano ha imparato a dominare la natura molto prima di aver imparato a dominare se stesso.
È ben più pericoloso il nemico che si nasconde nel nostro cuore.
È compito del futuro essere pericoloso; ed è tra i meriti della scienza l'equipaggiare il futuro per i suoi compiti.
È congenito negli uomini essere gli uni per gli altri più o meno un arcano, un mistero, cioè più o meno un pericolo.
È difficile veder fallire i grandi uomini nelle imprese più pericolose. Alessandro, Cesare, Annibale, il grande Gustavo riuscirono sempre. Divennero uomini tanto grandi per la fortuna? No, solo perché erano grandi uomini si sono meritati la fortuna.
È la stupidità piuttosto che il coraggio che ti fa negare il pericolo anche quando lo hai davanti.
È nei grandi pericoli che vediamo il grande coraggio.
È pericoloso avere ragione in questioni su cui le autorità costituite hanno torto.
È pericoloso credere e pericoloso non credere.
È pericoloso porre in modo sbagliato questioni sostanzialmente giuste.
È pericoloso svegliare il leone, il dente della tigre è fatale, ma la cosa più spaventosa di tutte è l'uomo nella sua follia.
È più facile eliminare le passioni pericolose piuttosto che controllarle, tenerle lontane piuttosto che governarle dopo averle lasciate entrare.
È più pericoloso che anche una sola persona colpevole venga punita senza le forme di legge che non il fatto che possa scappare.
È sempre saggio ascoltare un consiglio. È spesso pericoloso seguirlo.
È solamente quando vengono presi nel rapido, fulmineo giro della morte, che i mortali diventano consci dei muti, sottili, onnipresenti pericoli della vita.
È tardi cercare una riflessione quando si è in mezzo ai pericoli.
È un triste piacere ricordare un pericolo.