Passione

Aforismi

Onore

A chi stima l'onore assai, succede ogni cosa, perché non cura fatiche, non pericoli, non danari. Io l'ho provato in me medesimo, però lo posso dire e scrivere; sono morte e vane le azione degli uomini che non hanno questo stimulo ardente.
Anche il sentimento dell'onore è un narcotico.
Anche quelli che ci amano e ci onorano non si sentono a loro agio accanto a noi prima di aver scoperto il nostro punto debole.
Anche una vita breve è abbastanza lunga per vivere con virtù e onore.
Avere il senso dell'onore è in un certo senso una schiavitù.
C'è chi onora il posto che occupa, e chi invece ne è onorato.
C'è più onore in tradire che in esser fedeli a metà.
Chi apprezza il denaro più del proprio onore è indegno dell'uno e dell'altro.
Chi ha un animo veramente e solidamente buono si sente gratificato al massimo nel riconoscere pubblicamente i meriti altrui: il rendere onore è già di per se stesso un onore, quando nasce da una pienezza e sovrabbondanza di stima nei confronti di chi lo riceve.
Chi perde l'onore non può perdere nulla di più.
Chi strappa l'altrui onore perde il proprio.
Ci sono epoche e luoghi in cui essere nessuno è più onorevole che essere qualcuno.
Ci sono tre classi di uomini: gli amanti della saggezza, gli amanti dell'onore, e gli amanti del guadagno.
Ciò che viene comunemente definito amicizia è solo un pizzico d'onore fra mascalzoni.
Con l'onore non si transige.
Dalla virtù e non dalla malvagità vengono gli onori.
Debiti d'onore è una parola dove l'onore è terribilmente male impiegata.
Del resto non importa tanto essere onesti, quanto onorati.
Di molto denaro hanno bisogno quelli che molto spendono; non quelli che dominano i piaceri naturali, ma quelli che sono schiavi di tali piaceri, e coloro che cercano di acquisire onori grazie alla ricchezza e alla magnificenza.
Dove regna l'onore la parola data sarà sempre sacra.
E tu mi porti via l'onore, se porti via il mare!
Essere lodati dai galantuomini ed essere censurati dai malvagi sono due cose che ci fanno egualmente onore.
Fama e onore vanno talvolta più facilmente a chi non li ricerca.
Gli uomini onorano ciò che giace nella sfera della loro conoscenza, ma non si rendono conto di quanto dipendano da ciò che giace oltre.
Gli uomini retti sono onore e ornamento della città, del corpo lo è la bellezza, dell'anima la saggezza, dell'azione la virtù, del pensiero la verità.
Gli uomini stimano più la roba che gli onori.
I piaceri sono effimeri, gli onori eterni.
I soldi sono la cosa più importante al mondo. Rappresentano la salute, la forza, l'onore, la generosità, e la bellezza quanto cospicuamente la mancanza di essi rappresenta la malattia, la debolezza, la vergogna, la meschinità e la bruttezza.
I vantaggi del potere e di tutto ciò ch'esso procura, i vantaggi della ricchezza, degli onori, del lusso, sono il fine dell'attività umana finché non si raggiungono; ma, appena vi è pervenuto, l'uomo si accorge della loro vanità. Questi vantaggi perdono a poco a poco la loro seduzione, come le nuvole che non hanno forma e splendore se non viste da lontano.
Il carattere di un essere umano è composto per lo più di vanità: il resto è una mescolanza di desideri, generosità, paura della morte e senso dell’onore.
Il denaro è sincero. Se un uomo parla del suo onore, fallo pagare in contanti.
Il galateo è una scienza di vita, abbraccia tutto. È etica, è onore.
Il principio dell'onore e del coraggio consiste propriamente nel considerare piccoli i mali più grandi, se sono causati dal destino, e invece grandi anche i più piccoli, se sono causati dagli uomini.
Il punto d'onore è come il punto esclamativo: se ne abusa finché si è giovani; ma poi il punto interrogativo sembra più opportuno.
Imitate coloro la cui scelta vi fa onore, e siate persuasi che la virtù dei vostri amici contribuirà non poco alla vostra reputazione.
Ingiuriare i mascalzoni è cosa nobile: a ben vedere, significa onorare gli onesti.
Io corro grossi rischi di fallire. Può essere che io debba incontrare la rovina dove io cerco la reputazione e una carriera di onori. Le probabilità sono forse più in favore della rovina che del successo. Ma, qualunque siano le probabilità, io devo continuare fino a quando ho a disposizione qualsiasi mezzo per continuare la lotta.
Io non conosco verità assolute. Ma sono umile di fronte alla mia ignoranza: e in ciò è il mio onore, è la mia ricompensa.
Io penso che lo scopo della vita sia di essere utili, essere responsabili, essere onorevoli; essere misericordiosi. È, dopo tutto, importare, contare, sostenere qualcosa, aver fatto una qualche differenza che hai vissuto appieno.
L'amore desidera, la paura evita. Da ciò dipende che non si possa essere insieme amati e onorati dalla stessa persona, almeno non nello stesso spazio di tempo. Giacché chi onora riconosce la potenza cioè la teme: il suo stato d’animo è di rispetto-paura. L’amore invece non riconosce alcuna potenza, nulla che separi, che distingua, che sopraordini o subordini. Poiché esso non onora, gli uomini avidi di onori sono in segreto o apertamente restii ad essere amati.
L'amore non è che un piacere, l'onore è un dovere.
L'individuo che non onora la propria terra, non onora se stesso.
L'onore decora la persona onesta, mette in evidenza il disonesto.
L'onore di un sovrano non deve mai essere in contraddizione con la felicità del suo paese.
L'onore dipende spesso dall'ora che segna l'orologio.
L'onore non si può togliere, si può solo perdere.
L'onore va a picco dove il commercio prevale a lungo.
L'onore è come i fiammiferi: serve solo una volta.
L'onore è come lo spirito dell'uomo, non ritorna da dove se n'è andato.
L'onore è il pudore virile.
L'onore è l'appendice nell'organismo dell'anima. La sua funzione è ignota, ma lo si può asportare tranquillamente a quella gente che è incline a sentirsi offesa.
L'onore è la coscienza esterna, e la coscienza l'onore interno.
L'onore è la poesia del dovere.
L'onore è sempre una virtù antica.
L'onore è un sentimento che, sorgendo dal profondo e con frequenza quotidiana, è a tutti ben noto e assai familiare.
L'onore è una parola di cui il singolare ed il plurale non sono mai potuti andare d'accordo.
L'umiltà fa i grandi uomini due volte onorabili.
L'unica via sicura per conservare il proprio onore è comportarsi in modo da essere ritenuti degni di rispetto, restare fedeli nelle parole e nelle azioni all’autentica rettitudine.
L'uomo ama e onora l'uomo fino a che non è in grado di giudicarlo, e il desiderio è il frutto di una conoscenza incompleta.
L'uomo onorato è quello che giudica un diritto come un suo dovere.
La battaglia della vita è, in molti casi, combattuta in salita; e vincerla senza lottare significherebbe forse vincerla senza onore. Se non ci fossero difficoltà non ci sarebbe successo; se non ci fosse nulla per cui lottare, non ci sarebbe nulla da conquistare.
La differenza tra un uomo morale ed un uomo d'onore è che il secondo è dispiaciuto un atto riprovevole, anche se questo ha funzionato ed egli non è stato scoperto.
La dignità non consiste nel possedere onori, ma nella coscienza di meritarli.
La giustizia brilla nelle capanne annerite dal fumo e onora la vita timorata.
La gloria di un uomo dipende dall'onore del padre, vergogna per i figli è una madre nel disonore.
La gloria la si deve acquistare, l'onore invece basta non perderlo.
La guerra è fatica e fastidio; l'onore una bolla vuota.
La guerra è una professione con la quale un uomo non può vivere onorevolmente; un impiego col quale il soldato, se vuole ricavare qualche profitto, è obbligato ad essere falso, avido, e crudele.
La legge ci ha onorati: che possiamo onorarla a nostra volta.
La libertà è uno dei doni più preziosi dal cielo concesso agli uomini: i tesori tutti che si trovano in terra o che stanno ricoperti dal mare non le si possono agguagliare: e per la libertà, come per l'onore, si può avventurare la vita, quando per lo contrario la schiavitù è il peggior male che possa arrivare agli uomini.
La mente intuitiva è un dono sacro e la mente razionale è un fedele servo. Noi abbiamo creato una società che onora il servo e ha dimenticato il dono.
La moltitudine obbedisce più alla necessità che alla ragione, e ai castighi più che all'onore.
La nobiltà e l'onore sono soltanto nell'otium e nel bellum.
La quiete si ha da sacrificare alla coscienza e all'onore.
La reputazione è ciò che gli altri sanno di te. L'onore è ciò che tu sai di te stesso.
La stima val più della celebrità, la considerazione più della fama, l'onore più della gloria.
La vecchiaia, specialmente un'onorata vecchiaia, ha una così grande autorevolezza, che ha un valore più grande di tutti i piaceri della gioventù.
La vendetta trionfa sulla morte, l'amore l'ignora, l'onore aspira a essa, il dolore le si protende, la paura l'anticipa.
La vera grandezza non è nell'aspettare grandi cause per muoversi, ma nel trovare degno motivo di contesa in un fuscello quando è in gioco l´onore.
La voce della coscienza e dell'onore è ben debole quando le budella urlano.
Le cariche onorifiche sono per gli imbecilli; meglio vivere nella vergogna che negli onori; soprattutto, niente onorificenze; libertà ad ogni prezzo; per pensare. Gli onori sono appesi come arazzi sugli occhi e sulle orecchie; chi riesce più a vedere, a sentire! Negli onori asfissiano i sogni e si disseccano gli anni buoni.
Le cose che vale la pena avere, le cose buone, belle, onorevoli e nobili sono difficili da ottenere.
Le parole d'onore costano poco.
Le persone asservite non hanno né vigore né asprezza nella lotta: vanno negligentemente verso il pericolo quasi come costretti ed appesantiti, e non sentono affatto nel loro cuore ribollire l’ardore della libertà che fa disprezzare il pericolo e dà voglia di acquistare l’onore e la gloria con una bella morte tra i propri compagni.
Le persone che il mondo onora non sono che delle canaglie che hanno avuto la fortuna di non essere colte in flagrante.
Lo scopo della vita non è di essere felici. È di essere utili, onorevoli, misericordiosi, del fare una differenza del fatto che hai vissuto e vissuto bene.
Ma senza denaro l'onore non è altro che una malattia.
Meglio una morte onorata che una vita indegna: onore e salvezza vanno sempre di pari passo.
Molti nemici, molto onore.
Mostrami l'uomo che onori, e conoscerò che tipo di uomo sei. Perché mi mostrerai qual è la tua idea di umanità.
Negli uomini di elevato carattere e nobile genio si trova un'insaziabile desiderio di onore, comando, potere e gloria.
Nel parlare ci può essere onore o disonore; la lingua dell'uomo è la sua rovina.
Nell'obbedire all'onore, quand'anche ci comanda d'essere sciaguratissimi, si sente pur sempre una delicatissima e magnanima voluttà che ci compensa di tutti i dolori.
Nessun lavoro è degradante, quando può migliorarci; più arido e disprezzato è il suolo che il cristiano è chiamato a coltivare, più misera è la ricompensa della sua fatica, e più grande è l’onore.
Nessun uomo può venir meno alla propria parola d’onore, perché altrimenti sarebbe impossibile vivere in questo mondo.
Nessuno è mai stato onorato per ciò che ha ricevuto. Gli onori sono stati la ricompensa per ciò che ha dato.
Niente come Amore può dare all'uomo quei princìpi che valgono per vivere rettamente tutta la vita, non la nascita, non gli onori, non la ricchezza, niente di questo.
Non c'è dubbio, una donna deve morire piuttosto di prostituire il suo onore e la sua onestà qualunque sia la tentazione.
Non c'è nessun atto di slealtà, o meschinità di cui un partito politico non sia capace; perché in politica non esiste l'onore.
Non di dove venite sia d'ora in poi il vostro onore, bensì dove tendete! La vostra volontà e il vostro piede che vuole portarvi al di là di voi stessi, questo sia il vostro nuovo onore!
Non esiste un modo onorevole di uccidere, né un modo garbato di distruggere. Non c'è niente di buono nella guerra, eccetto la sua fine.
Non onorare la vecchiaia è demolire di mattina la casa in cui si deve dormire di sera.
Non puoi buttare via parole come eroismo e sacrificio e nobiltà e onore senza abbandonare le qualità che esse esprimono.
Non si è perduto niente, quando ci resta l'onore.
Non è grande nessuno di quegli uomini che le ricchezze e gli onori mettono in una condizione privilegiata. E perché, allora, sembra grande? Perché lo misuri insieme al piedistallo.
Non è il titolo che fa l'uomo importante, ma è l’importanza dell’uomo che rende onore al titolo.
Non è la professione che onora l'uomo ma l'uomo che onora la professione.
Ogni persona d'onore sceglie di perdere piuttosto il proprio onore che la propria coscienza.
Onora chi più è vecchio.
Onora gli amici.
Onorare tutti gli uomini significa non onorarne nessuno.
Onorevole è il suicidio nel momento in cui la malattia rende la morte preferibile alla vita.
Per la libertà, così come per l'onore, si può e si deve mettere a repentaglio la vita.
Per quanti onori e soddisfazioni potesse riservargli il futuro, per tutto il resto della vita sarebbe stato perseguitato dal rimpianto e dall’insoddisfazione di tante occasioni perdute.
Per uno che poté dire in faccia al sole: "Tutto è perduto, fuorché l'onore!" quanti che nell'ombra potrebbero dire: "Fuorché l'onore, nulla è perduto!".
Perde l'onore solamente chi non lo possiede.
Persa la fede e morto l'onore, l'uomo è spacciato.
Più forte parlava del suo onore, più veloce contavamo i nostri cucchiai.
Quando l'amore eccede non porta agli uomini né onore né virtù.
Questi i cinque pericoli del combattente: essere troppo pronto a morire, troppo preoccupato di vivere, troppo portato dall’ira, troppo attaccato all’onore, troppo emotivo.
Ricchezza e onori e in più arroganza si lasciano dietro rovina. A opera compiuta, ritirarsi: questa è la via del cielo.
Ricordate di affrontare sempre la vita a testa alta. Qualunque cosa accada, comunque vadano le cose, bisogna sempre andare a testa alta. Sempre.
Ritieni somma infamia preferire la tua vita all'onore e per amore di essa perdere la ragione stessa di vivere.
Se l'amina tua è ambiziosa d'onori, e l'orecchio tuo si compiace delle lodi, alzati dalla polvere di cui composto sei, e solleva i tuoi desideri a qualche cosa che di pregio sia degna. La quercia che spande i rami verso il cielo non fu che una piccola ghianda nelle viscere della terra.
Se l'onore fosse redditizio, tutti sarebbero onorevoli.
Se la pace non può essere mantenuta con onore, non sarà una pace duratura.
Se è un peccato essere avido di onore, allora sono l’anima più peccatrice di questo mondo.
Senza denaro l'onore non è altro che una malattia.
Si può definire l'onore come l'immagine del nostro valore nei pensieri della gente.
Sia questo il vostro onore: amare sempre più di quanto siete amati, non essere mai secondi!
Siate nobili nell'animo! È il cuore che costruisce il nostro onore, non le opinioni degli altri uomini.
Sono i più desiderosi di onore e gloria coloro che gridano più forte per il suo abuso e per la vanità del mondo.
Sono le ricchezze a procurare gli onori.
Spesso v'è molta più saggezza ed onore nel non fare piuttosto che nel fare.
Tutti dicono che l'onore non conta niente e invece conta più della vita. Senza onore nessuno ti rispetta.
Un bel morir, tutta la vita onora.
Un onere è l'onore che regge lo stato.
Un onore non diminuisce con l'essere condiviso.
Una pace onorevole, fondata sulla giustizia, è certo la cosa più bella e vantaggiosa; ma una pace che nasce da viltà e disonore è la cosa più infamante e dannosa.
Vivi una buona, onorevole vita, di modo che, quando ci ripenserai da vecchio, potrai godertela una seconda volta.
Vivi una vita onesta e onorevole. Quando diventerai vecchio e rammenterai il passato, te lo godrai di nuovo.
È meglio meritare degli onori e non averli che averli e non meritarli.
È nel carattere di pochi uomini onorare senza invidia un amico che ha fatto fortuna.
È più sicuro allevare i bambini con l'onore e l'esempio, che col timore e il castigo.