Passione

Aforismi

Proverbi Tedeschi

A buon intenditore poche parole.
A chi ha fortuna il bue gli porta un vitello.
A settembre chi è esperto non viaggia mai scoperto.
Acqua cheta rompe i ponti.
Acqua passata non macina più.
Acqua proibita è malvalsia.
Ai ricchi si dà, ai poveri si prende.
Amare e non essere amati è tempo perso.
Amici veri sono come meloni, di cento ne trovi due buoni.
Anche i pesci del re hanno spine.
Anno nuovo, vita nuova.
Aria netta non ha paura del tuono.
Campa cavallo, che l'erba cresce.
Carica senza soldo rende ladri.
Chi ben comincia è a metà dell'opera.
Chi butta paglia sul fuoco può bruciarsi la mano.
Chi confessa il proprio errore, è sulla via della verità.
Chi conosce il trucco, non l'insegna.
Chi corre ai tribunali per far liti ci lascia anche i vestiti.
Chi di buon mattino se la prende, tutto il giorno se la tiene.
Chi di spada ferisce, di spada perisce.
Chi dorme non piglia pesce.
Chi fa da sé, fa per tre.
Chi ha la testa nelle nuvole non vede più la terra.
Chi ha veramente fame non ha bisogno di condimenti.
Chi la dura la vince.
Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa quel che lascia ma non quel che trova.
Chi mangia il grano in erba sa quel che mangia oggi ma non sa quel che mangerà domani.
Chi mangia solo crepa solo, chi mangia in compagnia, vive in allegria.
Chi molto promette, poco dà.
Chi non dà valore al centesimo, non merita l'euro.
Chi non ha testa ha gambe.
Chi non osa nulla non speri nulla.
Chi non vuole andare in Paradiso non ha bisogno di prediche.
Chi non vuole ascoltare, deve sentire.
Chi non è contento di quello che ha, non sarebbe contento neanche se avesse ciò che non ha.
Chi pecora si fa, il lupo lo mangia.
Chi prende a prestito vende la libertà.
Chi presto decide talvolta più presto si pente.
Chi semina vento raccoglie tempesta.
Chi tardi arriva male alloggia.
Chi vuole vada e chi non vuole mandi.
Chi è causa del suo mal, pianga se stesso.
Ci sono due donne buone nel mondo: una è morta e l'altra non è stata ancora trovata.
Ciò che presto nasce presto muore.
Com'è chi dona così il dono.
Con la pazienza si vince tutto.
Contro la forza la ragion non vale.
Corpo sazio non crede a digiuno.
Cucina grassa borsa magra.
Dall'odio nasce l'amore, dall'amore nasce l'odio.
Dalla rosa nasce la spina e dalla spina nasce la rosa.
Di chi mi fido guardami Dio, di chi non mi fido mi guarda io.
Di giove e di marte non si sposa e non si parte.
Dicembre fa gli agnelli. Marzo ne vuol le pelli.
Donna virtuosa, non teme calunnia.
Dov'è l'amore, l'occhio corre.
Dove non ci sono capelli mal si pettina.
Dove non c’è amore non c’è verità, e vale qualcosa soltanto colui che ama. Non esser nulla e non amar nulla è perfettamente identico.
Dove si pialla cadono i trucioli.
Dove spendo il mio denaro, non ho bisogno di far complimenti.
Farebbe ridere quel gatto che si lasciasse fare i nidi dei sorci dentro le orecchie.
Fatta la legge, trovato l'inganno.
Felice il bottaio che pota a gennaio.
Giovani donne ed uova non si devono tener da parte a lungo.
Gli occhi sono lo specchio dell'anima.
Hai voluto la bicicletta, adesso pedala.
I cardi non dànno grappoli.
I farmaci costosi giovano sempre, se non al malato al farmacista.
I guai della pentola li sa il mestolo.
I panni sporchi si lavano in famiglia.
I pensieri non pagano gabelle.
I piccoli regali cementano l'amicizia.
Il denaro è un buon servo ed un cattivo padrone.
Il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi.
Il diavolo non è cosi brutto come lo si dipinge.
Il diavolo si nasconde nei dettagli.
Il dolore è il gran maestro degli uomini. Sotto il suo soffio si sviluppano le anime.
Il giorno ha gli occhi, la notte le orecchie.
Il grano e la riconoscenza non crescono che in buona terra.
Il lavoro nobilita l'uomo.
Il mondo è fatto a scale, chi le scende e chi le sale.
Il più saggio cede.
Il ricco va in paradiso solo se muore in culla.
Il rumore non fa bene, il bene non fa rumore.
Il semplice altruismo è il rimorso dell'egoismo.
Il superbo è la vergogna del creato.
Il troppo e il troppo poco rompon la festa e il gioco.
Il vino scioglie la lingua ed apre i cuori.
Impara l'arte e mettila da parte.
In tempi di carestia, le patate non hanno buccia.
L'abitudine è una seconda natura.
L'albero pecca e il ramo riceve.
L'amicizia fondata sul vino, dura, come il vino, solo una notte.
L'amore di carnevale muore di quaresima.
L'eternità è fatta di primi sorsi di birra.
L'odio è figlio dell'ignoranza.
L'oro non prende macchia.
L'ospedale e la prigione sono vicino all'osteria.
L'ospite raro è sempre benvenuto.
L'uso è l'arbitro della lingua.
La botte da il vino che ha.
La curiosità e la madre della speranza.
La gatta frettolosa fece i gattini ciechi.
La gentilezza apre tutte le porte.
La gioventù è una breve ebbrezza e la vecchiaia un lungo digiuno.
La pratica fa il maestro.
La reazione è più dura dell'azione.
La salute è un tesoro che nessuno apprezza quando la possiede.
La strada per la rovina è lastricata di buoni propositi.
La tua donna, la tua spada ed il tuo cavallo li puoi mostrare ma non dare in prestito.
La verità non invecchia.
La vita è un compito da elaborare.
La volontà lo fa.
Lasciate che la gatta scappi, il maschio la rincorrerà.
Le dita dell'uomo sono divise: per dare e non per conservare.
Le donne sono mutevoli come il tempo in Aprile.
Le spighe vuote tengono la testa alta.
Mamma chi l'ha la chiama e chi non l'ha la brama.
Meglio un passero nelle mani che un piccione sul tetto.
Nessuno può appagare l'avarizia e gli occhi.
Non appendere tutto a un solo chiodo.
Non bisogna lodare il giorno prima della sera.
Non hai denaro? Allora diventa funzionario, disse il buffone di corte al suo principe.
Non si impicca il denaro.
Non si mangia il cibo così caldo come è quando lo si cuoce.
Non si può costringere nessuno ad amare o a cantare.
O mangi questa minestra o salti questa finestra.
Oggi non deve prestare niente al domani.
Ogni donna preferirebbe essere bella piuttosto che buona.
Ogni inizio è difficile, disse il ladro, e per prima cosa rubò un'incudine.
Ogni lavoro porta con sé la sua misteriosa ricompensa.
Oh, cosa dobbiamo soffrire per la Chiesa di Dio, gridò l'abate, quando il pollo arrostito gli scottò le dita.
Onore e il sale, preserva da ogni male.
Per vivere a lungo, mangiate come i cani e bevete come i gatti.
Porti ognuno il proprio sacco al mulino.
Quando Dio dice: Oggi, dice il diavolo: Domani.
Quel che vien dal gatto graffia.
Se aprile produce il fiore è maggio che se ne fa l'onore.
Se gettasse una monetina sul tetto, gli cadrebbe giù un tallero.
Se la locandiera è bella, bello è pure il vino.
Se vuoi che ti si obbedisca, non dare ordine.
Semina d'estate e consiglio di donna riescono una volta ogni sette anni.
Si impiccano i piccoli ladri, di fronte ai grandi ci si leva il cappello.
Tedeschi intendono più che non sanno esprimere.
Un capello di donna tira più di una fune di campana.
Un cuore volenteroso fa i piedi leggeri.
Un nobile esempio rende facili le azioni difficili.
Un oggi è meglio di dieci domani.
Un paese può essere giudicato dalla qualità dei suoi proverbi.
Un ponte polacco, un monaco boemo, una suora sveva, devozione italiana ed il digiuno tedesco valgono quanto un fagiolo.
È difficile creare idee, è facile creare parole.
È più facile tenere a bada un sacco pieno di pulci che una donna.
È troppo aspettarsi da un gatto che si sieda davanti a una ciotola di latte senza leccarlo.