Passione

Aforismi

Nostalgia

Chi crede in Dio è abitato da una sottile ma insopprimibile nostalgia. Nostalgia per le promesse che la vita contiene e che essa da sé non realizzerà mai.
Esiste anche una nostalgia precoce, che deriva dal proiettarsi con l’immaginazione in un tempo futuro per osservare il proprio presente come un lontano passato.
Gli orrori del nostro tempo ci faranno provare nostalgia di quelli del passato.
I sentimenti più dolorosi e le emozioni più pungenti, sono quelli assurdi: l'ansia di cose impossibili, proprio perché sono impossibili, la nostalgia di ciò che non c'è mai stato, il desiderio di ciò che potrebbe essere stato, la pena di non essere un altro, l'insoddisfazione per l'esistenza del mondo.
Il paese della nostra nostalgia è invece il normale, il decoroso, l'amabile, è la vita nella sua seducente banalità.
Il pensiero di un uomo è innanzitutto la sua nostalgia.
Il presente si degrada, prima in storia, poi in nostalgia.
Il vero ciclista esiste pienamente solo quando gli è restituita la metà persa del suo essere iniziale, è un tutt’uno con lei. Il legame che unisce il ciclista alla sua bicicletta è, letteralmente, legame d’amore e di riconoscenza, che il tempo non consuma, ma rinforza, se poi la vita li separa, in forma di ricordo o nostalgia.
Il vero innamoramento è preceduto da una crisi dei rapporti esistenti, dall’impressione di aver sbagliato, da una impressione di irrealtà, di inautenticità. E, nello stesso tempo, dall’acuta nostalgia di una vita più vera, più intensa, più reale.
L'amore, lo sapevo fin troppo bene, si nutre di bocconi tirati quando meno te lo aspetti, è la nostalgia sotto i denti che ti fa resistere.
L'atteggiamento di chi vuol rendere la miseria attraente per gli altri è piuttosto antipatico. Devo ancora conoscerlo un povero che abbia nostalgia della povertà.
La gente che ha nostalgia della propria infanzia non ha mai vissuto un'infanzia.
La luce rossastra del tramonto illumina ogni cosa con il fascino della nostalgia: anche la ghigliottina.
La memoria è un valore fondamentale; non è nostalgia del passato, bensì difesa e salvataggio della vita, senso del presente di ogni esistenza e di ogni valore.
La musica non esprime la passione, l'amore, la nostalgia di questo o quell'individuo in questa o quella situazione ma la passione, l'amore la nostalgia stessa.
La musica sentimentale ha un grande potere: ti riporta indietro nel momento stesso in cui ti porta avanti, così che provi, contemporaneamente, nostalgia e speranza.
La musica è l'unica arte che evoca la nostalgia per il futuro.
La nostalgia dipinge un sorriso sul volto di pietra del passato.
La nostalgia non intensifica l'attività della memoria, non risveglia ricordi, basta a se stessa, alla propria emozione, assorbita com'è dalla sofferenza.
La nostalgia non è più quella che era una volta.
La nostalgia è il desiderio di non si sa cosa.
La nostalgia è il rimpianto d’un passato che è stato e non può tornare.
La nostalgia è la sofferenza provocata dal desiderio inappagato di ritornare.
La nostalgia è nera e bianca.
La nostalgia è rendersi conto che le cose non erano insopportabili come sembravano allora.
La nostalgia è un archivio che rimuove i lati spigolosi dai cari vecchi giorni.
La nostalgia è un veleno.
La nostra è un'epoca nostalgica e i fotografi sono promotori attivi della nostalgia.
La somma degli angoli di cui ho nostalgia è certamente superiore a 360.
Le illusioni, le speranze infrante, le utopie, le nostalgie, le possibilità e le impossibilità, i sogni dolorosi fanno parte della coscienza del tempo interiore che è in noi e che non ha nulla a che fare con il tempo dell’orologio.
Mi è sempre sembrato che ci sia una parte di slealtà nella nostalgia, come quando dopo che è successo qualcosa, qualcuno dice "te l'avevo detto" o "lo sapevo", e non è mai vero e non aveva detto e non sapeva niente prima che succedesse.
Non c’è nostalgia più dolorosa di quella delle cose che non sono mai state!
Non si guarisce mai da ciò che ci manca, ci si adatta, ci si racconta altre verità. Si convive con se stessi, con la nostalgia della vita, come i vecchi.
Nostalgia: il ricordo delle cose passate.
Nostalgico. Dicesi di chi si trova all'estero senza una lira.
Ogni atto di ribellione esprime nostalgia per l'innocenza e una richiesta all'essenza dell'essere.
Ogni istante si dissolve in un soffio trasformandosi immediatamente in passato, la realtà è effimera e transitoria, pura nostalgia.
Ogni nostalgia è una specie di vecchiaia.
Ogni secondo di vita trascina a sé la nostalgia di quello passato.
Per guarire da ogni nostalgia amorosa non c'è che sperimentare d'essere amato o voluto o bramato o quello che vuoi, da una persona che ci dia ai nervi.
Provo nostalgia per l'immoralità.
Quando ti viene una nostalgia, non è mancanza, è presenza, è una visita, arrivano persone, paesi, da lontano e ti tengono un poco di compagnia.
Quando uno lascia un paese, tutte le cose acquistano prima della partenza un valore straordinario di ricordo, e ci fanno pregustare la lontananza e la nostalgia.
Scuri in viso, lasciamo passare senza goderne infinite ore piacevoli e serene, ma quando poi arrivano quelle brutte, riguardiamo con vana nostalgia alle prime.
Se nostalgia significa il ricordo potente di un’emozione forte, e il rimpianto di non ritrovare piú sensazioni del genere nella vita, allora mi dichiaro colpevole.
Se vuoi costruire una barca, non radunare uomini per tagliare legna, dividere i compiti e impartire ordini, ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto e infinito.
Si può avere nostalgia di qualcosa che non si ha ancora avuto?
Si può avere nostalgia di un posto anche quando ci si sta.
Solamente chi trae l'un dopo l'altro i giorni lontano dagli affetti che prima non si guastano e troppo tardi si apprezzano e amano, può comprendere quanto sia il rimpianto dei beni ignorati per l'anima che si ammala di nostalgia.
Svariati sono i motivi per cui una donna ama. Anche l'attesa può esserne uno. Si ama la propria nostalgia e la considerevole quantità di tempo investito.
È uno strano dolore morire di nostalgia per una cosa che non vivrai mai.