Passione

Aforismi

Aristippo

Al padre di un alunno, che rifiutava di pagare la retta annuale di 500 dracme, sostenendo che con quella cifra avrebbe potuto comprarsi uno schiavo, rispose: Allora compra lo schiavo e avrai due schiavi al prezzo di uno, lui e anche tuo figlio.
Durante una tempesta di mare, dimostr˛ tanta paura che un compagno di viaggio lo derise, meravigliato che un filosofo fosse poco saggio. Egli rispose: Non puoi paragonare la mia vita alla tua. Io tremo per la vita di Aristippo, tu non puoi temere la fine di un buono a nulla!
Nella sua scuola praticava tariffe differenziate agli allievi. Prezzi alti ai pi¨ stupidi e prezzi scontati agli intelligenti.
Qualcuno domandava ad Aristippo consiglio sulla moglie che doveva scegliere. Il filosofo rispose: Bella ti tradirÓ, brutta ti dispiacerÓ, povera ti rovinerÓ, ricca ti dominerÓ.
Un giorno Aristippo port˛ ad Anassagora la notizia della morte del figlio. Il filosofo, senza scomporsi, rispose: "Io giÓ sapevo di averlo fatto mortale".
Un giorno, uscendo da un bagno pubblico, indoss˛ il vecchio mantello sdrucito di Diogene, lasciando la sua mantella di porpora. Diogene, non avendo null'altro da indossare che la ricca mantella di Aristippo, preferý uscire per strada nudo.